Cerca nel blog

lunedì 18 luglio 2011

Un bicchier d'acqua ..grazie!

In queste calde giornate di luglio una costante è l'acqua...

L'acqua ferma o movimentata da miriadi di bollicine, bella trasparente che dà sollievo alle gole stanche di respirare l'afa di questi giorni.

Chi resiste davanti ad un bel bicchiere di acqua fresca oggi???

Si sono scritti fiumi di parole su un bicchiere d'acqua... chi ci vede un panorama attraverso, chi bevendo vede un arcobaleno tra gli intagli di maestri di boemia che catturano i raggi del sole;

c'è chi riguarda ogni giorno il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto a seconda degli stati d'animo del momento e ce chi invece lo trangugia senza pensarci due volte ed aspetta che versino ancora dell'altra acqua.

Oggi stavo pensando a ciò che rappresenta l'acqua per ognuno di noi e la vedo così in semplicità accostarsi al carattere ed ai sentimenti che percorrono le nostre giornate.
Per cui immagino un poeta che ne tesse le lodi solo guardandone la trasparenza, o un pittore intento ad immortalarla nel momento in cui una leggera vibrazione la ondeggia... e poi gli addetti al settore quelli che la prelevano dalle sorgenti per imprigionarla nelle bottiglie, consapevoli che la frescura di quel momento, chiuso il tappo è già perduta.

Penso a chi l'analizza, la scruta la guarda fino all'intima particella denudandone i segreti e svelandone proprietà, virtù e difetti.
Quando ne abbiamo in abbondanza tracanniamo senza pensarci due volte e chiedendone di più, quando ne abbiamo poca ne centelliniamo le gocce.

Quante cose può farti pensare un prezioso bicchier di acqua...all'amore per esempio??

Accostamento audace ma non troppo...

L'amore ... quando c'è ci abbeveriamo ad esso con avida sazietà.. intenti ad assaporare l'essenza dell'ultima goccia e ne chiediamo ancora ed ancora come l'acqua bevuta così in fretta da farla cadere ai lati della bocca.
Non importa tanto poi ne avremo dell'altra!

Quando invece l'amore non c'è, allora il nostro modo di osservare e bere un bicchiere di acqua d'amore è totalmente diverso... ne beviamo a piccoli sorsi perchè vorremmo non finisse mai, la lasciamo lì un attimo a riposare per poi dondolarla dolcemente  lasciandola roteare lungo le pareti del bicchiere quasi a volerla aumentare di volume... lasciamo che sfiori le labbra senza bere, che cada in fresca goccia lungo il petto e addirittura ne prendiamo un po' tra le dita per bagnaci il lobo delle orecchie o le palpebre stanche.

E quando è finita...giunti al fondo quel bicchiere che l'ospitava non va riempito..non subito... si lascia elaborare il ricordo della frescura che ci ha avvolto, finchè di nuovo la sete sopravvenga!

Solo così si assapora ciò che per un istante è mancato,  lasciandoti bocca e sensi all'asciutto.

8 commenti:

  1. Bello ed efficace l'accostamento acqua-amore; entrambi sono all'origine della vita, entrambi permettono che essa vada avanti in modo sublime ed ottimale.
    Un bimbo,frutto d'amore, prima di venire alla luce nuota felice perchè scevro di ansie, poi ad accoglierlo ritrova tanto tanto amore, almeno così dovrebbe essere... acqua-amore, presupposti di un mondo perfetto. La perfezione non esiste? Acqua e amore, il loro esserci, sono i mezzi per crederci comunque.
    Costy cara, grazie per questi spunti di riflessione... aiutano a vedere "in rosa" la realtà.

    Un abbraccio affettuoso.
    Mary.

    RispondiElimina
  2. E dipingiamola di rosa la realtà mia dolce Mary.

    Grazie perché dai profondità ulteriore ai mie piccoli pensieri.

    Un abbraccio affettuoso anche a te.
    Costy

    RispondiElimina
  3. ...come l'acqua...fonte di vita...và preservata e rispettata già alla sorgente...anche l'amore...và rispettato e curato e preservato affinchè non divenga scontato...molto bello l'accostamento Costy...è sempre bello emozionarsi qui..serena notte..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  4. Grazie Dandelìon...hai colto il senso del mio accostamento.
    Sereno giorno a te.


    Costy

    RispondiElimina
  5. Ciao, penso che questo sia il tuo blog "principale" vero? Interessante anche questo come "il terzo occhio" (aah quel nome mi ha proprio preso...).
    Un bell'accostamento, un bicchiere d'acqua e l'amore, man mano beviamo e siamo talmente presi dal bere che non ci rendiamo conto che l'acqua potrebbe finire, perdendone forse l'essenza migliore, così come avviene per la stessa nostra vita.

    Grazie, a presto

    RispondiElimina
  6. Grazie a te wiska... mi pareva un accostamento strano ma in effetti poi non sembra proprio esserlo del tutto.
    Felice di averti anche qui...

    Il terzo occhio dopo le vacanze avrà delle novità di novità...spero!

    Costy

    RispondiElimina
  7. Anch'io lo spero, cara Costy, nel frattempo mi iscrivo tra i followers di questo blog.
    A presto

    RispondiElimina
  8. Grazie mille..wiska e felice estate!

    Costy :)

    RispondiElimina